• Cuba
  • vietnam
  • madagascar
  • marrakesh
  • cuba
  • vietnam
  • Marrakesh
  • madagascar
  • cuba
  • vietnam
  • usa
  • provenza
  • cuba
  • Provenza
  • usa
  • Marrakesh
  • Cuba
  • Tanzania
  • vietnam
  • usa
  • PeruCola
  • Perubvimba
 
Mag2017

IL GRANDE MARINAIO di Catherine Poulain (399 pag)

        Nessun commento

Storia di una ragazza francese che decide di fuggire dalla solita routine di Parigi, soliti amici, soliti bar, soliti passatempi senza senso per andare a pescare su, nel grande nord. Qui verrà trattata come un marinaio qualunque e si scontrerà contro una natura aspra e dura e condizioni di lavoro impossibili. Il racconto è interessante, anche se non c’è una vera trama e, passate le prime due o tre mareggiate, non resta molto ancora da raccontare e quindi dopo un po’, francamente, viene a noia…

leggi tutto
Mag2017

Banche Italia: cancro crediti deteriorati si cura così

        Nessun commento

“In questo periodo sta emergendo sempre di più la sostanziale incapacità del sistema bancario italiano a gestire efficientemente i circa 333 miliardi di euro di crediti deteriorati (12 miliardi in past due, 123 miliardi incagliati e 198 in insofferenza). Le posizioni corporate sono circa 250.000, mentre le imprese individuali e le famiglie coinvolte sono circa 7 milioni e mezzo. Enormità! La situazione è gravissima e, se possibile, sta ulteriormente peggiorando, considerando la sostanziale penuria di fondi da destinarsi a nuove straordinarie capitalizzazioni dei nostri istituti (o anche solo per attivare una Bad Bank di sistema, che notoriamente impedisce allo Stato di intervenire in materia, per non favorire gli operatori italiani).

leggi tutto
Mag2017

SOLDI DOMINA IL GIOCO di Antony Robbins (665 pag)

        Nessun commento

Questo genere di libri sono un po’ tutti fatti con lo stampino e anche questo del “grande”, “incommensurabile” Tony Robbins non fa eccezione. Anzi, a ripensarci la fa perché è stato lui a inventare il genere, ossia sparare 665 pagine per esprimere un concetto che non occupa più 8-10 pagine. Del resto basta allungare il brodo dei discorsi, interrompere l’esposizione del concetto chiave e diluirlo in 100-200 pagine, il tutto condito con la solita zolfa di precetti e consigli più o meno utili, ma senz’altro sempre i soliti. Nello specifico i due concetti di fondo espressi sono: necessità di risparmiare (circa 300 pag, ma consiglio di leggere “L’uomo più ricco di Babilonia” che con meno di 100 esprime meglio la cosa) e necessità di diversificare gli investimenti (le altre 365 pag).

leggi tutto
Mag2017

APPUNTAMENTO AL BLU PEOFONDO di Roberto Ampuero (411 pag)

        Nessun commento

Ampuero è sempre bello da leggere. I suoi gialli spaziano sempre da una parte all’altra del mondo e le descrizioni dei luoghi e persone sono sempre più che convincenti. Segno evidente che ha davvero viaggiato tanto. In questo caso l’indagine di Cayetano Brulé inizia in Cile, a Santiago, per poi proseguire in Svezia, tra i ghiacci artici e poi a Cuba e infine in Messico. La storia sta in piedi e, anzi, svela i retroscena di un Cile post Pinochet, solo all’apparenza tornato alla normalità. Dei legami mai estinti tra resistenza comunista cilena e regime di Cuba. Tra tentazioni del vecchio e paura del nuovo. Forse lo fa con un centinaio di pagine in più del necessario, ma resta sempre e comunque un bel leggere.

leggi tutto
Mag2017

LA SPIA E IL PRESIDENTE di Liaty Pisani (307 pag)

        Nessun commento

Spy-story alla meneghina. Scorrevole, a tratti (brevi) pure avvincente, è un capitolo della saga dell’agente Ogden che lavora per la super agenzia di spionaggio privata conosciuta come il “Servizio”. Questa volta sono al servizio di Putin, all’inizio del suo potere e della sua lotta contro gli strapotenti oligarchi della droga e delle armi russi.

 

leggi tutto