• lettore
 

Lettore

Credo che la passione per la lettura mi appartenga da sempre.

Uno dei più grandi piaceri da bambino, quando ancora abitavo a Napoli (quindi fino a 7 anni e mezzo circa) era di aspettare con impazienza l’uscita di “Topolino” il sabato per divorarmelo in poche ore. E poi rileggerlo a oltranza, fino all’uscita del numero nuovo.

Successivamente, iniziai a leggere dei libricini per bambini, i mitici ”stellina d’oro”, che alla praticità di maneggiamento, univano la formidabile idea di costituire una specie di “Bignami” dei futuri libri per ragazzi, oltretutto ricchi di figure a colori. Tra tutti ricordo Robinson Crusoe, che è sopravissuto fino alla mia seconda figlia (il terzo, il maschietto, l’ha fatto fuori prima di leggerlo…).

Fu poi la volta degli Oscar Mondadori per Ragazzi, (dagli 11 anni in poi) la cui attesissima uscita era quindicinale. Libri formidabili che, pur essendo senza figure, riuscivano a coinvolgere il lettore in...

Leggi tutto


letture recenti

  • IL SENSO DEL DOLORE di Maurizio De Giovanni (199 pag)
    e Giovanni non lo conoscevo, ho sentito parlare della sua “Napoli anni ’30” in una recente visita a Napoli appunto. Acquistato il libro l’ho letto tutto d’un fiato perché la storia si presta bene, la scrittura è scorrevole e mai banale, la Napoli che ebbe appare è quella che preferisco e che va dalla Riviera di Chiaia a Piazza Dante, con tutto ciò che sta nel mezzo. Protagonista del romanzo il commissario Ricciardi, un tipo molto introverso, melanconico se non triste. 
  • VIPERA di Maurizio De Giovanni (291 pag)
    In quest’opera il tenebroso commissario Ricciardi impegnato alla ricerca dell’assassino di una prostituta di alto bordo, chiamata Vipera, che lavorava né più lussuoso casino della città. Al di là della storia in sé, scorrevole e avvincente, la cosa interessante è assistere due la distanza tra la popolana dirimpettaia del commissario, e la vedova del tenore, che si è trasferita a Napoli per amore del commissario. Un libro davvero piacevole.
  • BRANCHIE di Niccolò Ammaniti (185 pag)
    Opera prima di Nicolò Ammanniti, è stata una vera rivelazione: spassoso, ironico, surreale, onirico, commovente, mai banale. A me è piaciuto veramente moltissimo.
  • VIAGGI di Michael Crichton (441 pag)
    Più che un libro di viaggi, è la biografia dell’autore, dai tempi dell’università di medicina alla piena affermazione professionale. Un viaggio quindi nel tempo oltre che in vari continenti, alla ricerca la propria identità e reali pulsioni. Interessante.